Magazine / Dopo le feste mettiamoci a dieta… mediterranea

Dopo le feste mettiamoci a dieta… mediterranea

È vero, durante le vacanze di Natale si tende a esagerare un po’, per poi rimettersi in riga a gennaio. Ma non serve essere drastici o seguire diete strampalate. Basta attenersi alle sane abitudini della dieta mediterranea.

In cosa consiste questo regime alimentare, universalmente riconosciuto come il più benefico?

Non è un caso se si chiama “mediterranea”: questa dieta è nata infatti intorno al “mare nostrum” sul quale si affacciano Paesi come l’Italia, la Grecia, la Spagna, il Marocco. Le popolazioni di queste aree, nei millenni, hanno ricavato il loro cibo dall’agricoltura, dalla pesca dalla pastorizia: la loro alimentazione era quindi basata su cereali, legumi e verdura, frutta, olio extravergine di oliva, pesce e pochissima carne.

È stato lo studioso americano Ancel Benjamin Keys il primo a intuire i benefici della dieta mediterranea sulla salute, e dai suoi studi condotti negli anni Cinquanta è poi stata elaborata la Piramide alimentare mediterranea.


Non solo: nel 2010 l’Unesco ha riconosciuto alla dieta mediterranea anche il valore di Patrimonio immateriale dell’umanità. Come italiani possiamo esserne giustamente fieri!

Come dicevamo, i prodotti della pesca hanno un ruolo chiave in questo tipo di alimentazione perché forniscono un adeguato apporto di proteine nobili e sono fonte naturale di acidi grassi essenziali, i famosi Omega 3.

Inoltre, un’altra caratteristica tipica della dieta mediterranea è il tipo di preparazione, che di solito prevede pochi grassi e comprende la cottura al vapore o in forno. Anche da questo punto di vista il pesce è ideale, perché si presta a ricette che non richiedono cotture prolungate o particolarmente condite, soprattutto quando è già molto saporito di per sé.

Proprio come il Merluzzo in porzioni Pescanova! Il nostro merluzzo pescato nelle acque gelide dell’Atlantico sud orientale, dell’Alaska o del Pacifico nord orientale è qui presentato in comode bustine che permettono una cottura al vapore in microonde. La bustina trattiene tutto il sapore del pesce, che non si disperde in liquidi di cottura. Una volta cotto, il merluzzo può essere condito con un filo di olio extravergine di oliva, un pizzico di sale e qualche goccia di limone, e si ottiene un piatto delizioso, leggero e salutare senza alcuno sforzo!

Merluzzo in porzioni Pescanova

Ti potrebbe interessare anche...